“Il leone Felice”
di Louise Fatio
illustrato da Roger Duvoisin
Interlinea – Le Rane grandi, 2017
(4 – 5 – 6 anni)

C’era una volta il leone Felice.
Non viveva in africa, ma in una città francese, aveva un grande spazio tutto per lui e le persone che vedeva tutti i giorni lo salutavano cordialmente: “Buongiorno leone Felice”, tutti lo coccolavano e gli portavano qualche golosità.
Con un banale gioco di parole possiamo dire che Felice era proprio un leone felice.
Un giorno però il custode dimenticò la porta del recinto aperta, il leone Felice allora decise di uscire un per ricambiare le visite dei suoi amici.
Che strano però, in città nessuno sembrava felice di vederlo, anzi, scappavano tutti! Anche le persone che erano solite salutarlo tutti i giorni ora correvano via quando lo vedevano! Forse in città si salutava in quel modo?
Una delicatissima storia sulla percezione della realtà e -perché no- sul razzismo. Un libro che fa riflettere sulle sicurezze degli uomini che vengono stravolte quando si ribalta una situazione “sicura”: il leone imprigionato è un amico, il leone libero è un nemico (da abbattere) della comunità.
Un insegnamento profondo che offre molti spunti su cui riflettere, in un semplice racconto per bambini.
H!

Le rane di Interlinea utilizzano Shiro Alga Carta ecologica della Cartiera Favini creata dalle alghe della Laguna di Venezia, che ora usa alghe provenienti da ambienti lagunari inquinati mescolate con fibre certificate FSC.

http://www.interlinea.com/lerane/principale.htm

(immagine: la copertina del libro)

Comments are closed.